domenica 29 novembre 2015

"A Proposito del Desiderio"

Cari Amici, in questo periodo storico tutto si muove più velocemente; persino i nostri desideri stimolati da una studiata strategia diretta alla emulazione nei consumi. Li rincorriamo, a volte li raggiungiamo, sempre più spesso li sostituiamo con altri, in apparenza, ancora più ambiti. Una corsa che ci porta, io penso, ad allontanarci dall'assaporare le gioie più semplici e genuine della vita. Chissà, forse dovremmo ripensare a riprendere quei passi in apparenza più banali dell'esistenza; sorridere di più, donare una carezza ai propri cari, fermarsi per apprezzare il meraviglioso profumo di un semplice gelsomino, dedicare più tempo a giocare con i figli o nipotini.
Non sono anch'essi desideri?
Oltre duemila anni fa il grande filosofo Lucrezio disse:
"Ci sembra sempre che il più grande bene sia quello che ci manca. Se riuscissimo ad averlo, allora sospireremmo un altro bene con lo stesso ardore."